Nella prossima edizione di Milanodoro saranno presentate tutte le novità per il Natale 2021

L’oro è impattante, ruffiano. L’argento invece è selettivo, si concede agli intenditori, e dà il meglio specialmente quando viene sfoggiato in pezzi d’autore. L’Argenteria Marconi di Milano ospita dall’argento antico fino allo Sheffield, suoi pezzi d’autore sono, tra l’altro, rari esemplari inglesi d’epoca, tra cui un importante versatore del periodo vittoriano, realizzato nel 1858 da Robert Garrard, tra i maggiori argentieri della metà del XIX secolo.
Situata nel cuore di Milano, l’azienda fondata nel 1974 dal padre di Carlo Marconi, oltre alle unicità d’antiquariato tratta principalmente oggettistica, bomboniere per ogni genere di cerimonia, una vasta gamma di complementi d’arredo realizzati come autentiche opere d’arte nonchè gioielli moderni in argento (bracciali, anelli, collane, gemelli e fedi) d’artigianalità italiana di rinomati marchi presenti sul mercato. Il livello delle lavorazioni è elevato ed è ben chiaro, ad esempio, nella linea di frutti portafortuna in argento 925/000, benaugurante e briosa, ricavata da uno scrupoloso processo di finitura.

Da circa trent’anni Carlo Marconi affianca l’argento a produzioni di gioielleria in oro, ugualmente di manifattura nostrana, contornata anche da gemme: le tre verette sono in oro bianco, rosa e giallo con brillanti bianchi e brillanti Brown Sugar; zaffiri multicolor, invece, vivacizzano e modernizzano l’anello e gli orecchini in oro rosa. E’ altresì possibile personalizzare il proprio gioiello anche su indicazioni del cliente o su un suo specifico progetto.

In occasione della seconda edizione di Milanodoro (12-15 novembre), Argenteria Marconi presenterà nel suo punto vendita di VIA CAVALLOTTI (angolo Corso Europa) le novità per il Natale 2021, in particolare l’oggettistica in argento per la tavola ed i suoi ultimi gioielli in argento, dai ciondoli, ai bracciali, alle collane.

Per scoprire gli eventi dell’Argenteria Marconi durante la Milanodoro clicca qui

https://www.argenteriamarconi.it/

testo a cura di Preziosa Magazine